Escursionismo‎ > ‎

ROCCHE BIANCHE - FAGGI DI BENEVENTO

ITINERARIO: ROCCHE BIANCHE – COLLA DI SAN GIACOMO – FAGGI DI BENEVENTO

Percorso in auto 1 (da stazione FF SS di Finale Ligure) passando da Vado Ligure: questa via permette di raggiungere abbastanza facilmente la meta poiché si sviluppa interamente su strada asfaltata, tuttavia risulta essere anche la più lunga (circa 30 Km), per cui vi invitiamo a utilizzare il sistema “Google Maps” per usufruire di indicazioni adeguate.
Percorso in auto 2 (da stazione FF SS di Finale Ligure) passando da Vezzi Portio: si percorre la strada statale SS1 (via Aurelia) in direzione Savona fino al bivio (poco prima della galleria) con la strada provinciale SP8 (via Calvisio). Si risale lungo le sponde del fiume Sciusa superando Calvisio, il bivio per la località di Verzi ed il ponte per Boragni ed Orco Feglino, fino a raggiungere il grande incrocio per il Comune di Vezzi Portio (600 m dopo il ponticello). Si prende quindi la SP8 BIS svoltando a destra e si risale lungo “Via Portio” per 3,4 Km fino a giungere al grande bivio di Vezzi/Voze in corrispondenza del quale sorge la Cappelletta di Santa Libera. Si sceglie la sinistra e si prosegue per 300 m, poi si gira ancora a sinistra entrando in Via San Giorgio. Si attraversa il Paese fino a raggiungere il palazzo del Comune dove, appena oltre, inizia una stradina in salita sulla destra. Lungo gran parte del tratto è in ogni caso presente la segnaletica di indicazione per le “Rocche Bianche”.
Dal Km 11,4 vanno percorsi almeno 2 Km su sterrata prima di ritrovare l'asfalto nell’ultimo tratto che porta alle rocche. Sconsigliamo quindi l’utilizzo di questa via in assenza di un mezzo adeguato e ci solleviamo da ogni responsabilità in caso di problemi eventuali.
Lunghezza totale del tragitto 14,9 Km.

Classificazione: percorso di particolare interesse naturalistico – livello medio.
L’itinerario si sviluppa nella sua interezza lungo una largo sentiero carrabile da noi percorso a piedi.

Durata: 3 ore e 30 min             Lunghezza: 10 Km             Dislivello: 221 m

SEGNAVIA: cerchio vuoto rosso con segno orizzontale al suo interno; a tratti, affiancato dal segnavia “X” rossa.


Sentiero largo, facilmente percorribile, in salita.
Il nostro itinerario, incomincia dal grande spiazzo della famosa località delle “Rocche Bianche” o “Gianche” in dialetto. Da qui, potrete godere di una vista spettacolare su tutto l’entroterra finalese.
Le Rocche Bianche furono sede di uno storico scontro tra Partigiani e truppe tedesche nel Novembre del 1944 durante il quale alcuni di loro persero la vita. Ad essi è dedicato il monumento ai caduti presente in loco.
Lasciandovi dapprima alla propria sinistra e successivamente alle vostre spalle, le rocche, si inizia un lunga e agevole salita verso la “Colla di San Giacomo”.
Fatti i primi 200 m, si incontra subito un bivio: entrambe le strade si ricollegano poco oltre quindi è indifferente la scelta del percorso, noi però abbiamo preferito accorciare andando a sinistra.
Una volta riunitesi le strade, sorge un altro ampio incrocio, questa volta si dovrà prendere la via a destra.
Si prosegue ora per 500 m circa quindi, alla terza deviazione che incontriamo, si svolta a sinistra e si effettua la grande curva in salita. Dopo la curva si raggiunge un trivio: si rimane sull’ampia sterrata scegliendo la via centrale.
Dopo 500 m percorsi pressoché in rettilineo, si entra nel tragitto dell’Alta via dei Monti Liguri – AV (SEGNAVIA: “Alta Via dei Monti Liguri – AV” a fasce laterali rosse e fascia centrale bianca), e si prosegue in leggera salita fino a raggiungere la Chiesa di San Giacomo a quota 800 m circa.
Grazie all’accurata manutenzione del gruppo degli Alpini di Mallare e di Orco, essa è adibita a riparo ed è dotata di elettricità, camino ed un lungo e largo tavolo per bivaccare. Attorno alla Chiesa sorge l’ampio prato della Colla di San Giacomo (a quota 796 m.s.l), nel quale si trovano numerosi tavoli da pic-nic, un monumento ai caduti di guerra ed uno ai partigiani.
Dopo la pausa, si prosegue sempre dritto in direzione Ovest prendendo la larga strada centrale al grande incrocio. Qui cambia il segnavia.

SEGNAVIA: tre pallini gialli su sfondo rosso.

Sentiero segnalato, largo e facilmente percorribile.
La nuova via intrapresa porta in circa 30 minuti ai Monumentali Faggi di Benevento: ci si mantiene sempre sulla larga sterrata fino al sorgere dei magnifici e possenti alberi, ignorando altre possibili deviazioni.

Si percorre a ritroso tutto il percorso fatto fino a tornare al punto di partenza. Il ritorno, sempre in discesa, dovrebbe risultare più veloce e più agevole.

PUOI SCARICARE LA TRACCIA GPS DELL'ITINERARIO QUI:

FILE.gpx               FILE.tcx


Inoltre… 

Una volta raggiunto il collegamento con l’Alta Via dei Monti Liguri, sarà possibile intraprendere una nuova strada svoltando a destra, invece, che proceder dritto come vi avevamo suggerito sopra, (seguirete ugualmente il segnavia dell’Alta Via).
Inizia un percorso, che attraversando il fitto bosco ed un imponenti faggete, prosegue verso il “Colle la Tagliata”. Quest’ultimo si raggiunge nel giro di circa mezz’ora o qualcosa in più.
Giunti quasi alla vetta del colle, (810 m.s.l.m.) troverete un’antica neviera: esse costituivano semplici buche pressoché circolari nel terreno, del diametro di 5-10 m e profonde 4-5 m, la cui funzione principale era quella di formare e preservare il ghiaccio per uso alimentare prima dell’esistenza del frigorifero. Poste in zone ombreggiate al riparo dalla calura estiva, erano utilizzate per tutta la stagione.
Poco oltre la Neviera, il Paesaggio si apre offrendo, nelle giornate favorevoli, uno spettacolare panorama su tutto l’arco alpino.

PUOI SCARICARE LA TRACCIA GPS DELL'ITINERARIO BIS QUI:

FILE.gpx               FILE.tcx
 
Comments